Fornetto unghie, a cosa serve il gel semipermanente

A volte, se si hanno unghie rovinate o spezzate, si ha imbarazzo a mostrare le mani. Oggi non c’è più bisogno di rivolgersi all’estetista per ricostruirle perché lo si può fare da sole, con gli speciali gel ‘builder’ che si possono applicare e polimerizzare con l’ausilio dei nuovi fornetti per unghie. Per una manicure ‘fai da te’ con risultati professionali serve, oltre a un buon fornetto Uv o a Led, un kit di gel mono o trifasici con tutto l’occorrente per una ricostruzione onicofagica da favola. Ma cosa serve per poter trattare le unghie con il gel semipermanente? In commercio esistono kit completi con tutto il necessario, basterà solo seguire passo passo il processo di applicazione e asciugatura con il fornetto.

Per questo tipo di operazione, infatti, serve una lampada a raggi Uv o a Led, in grado di asciugare il prodotto per fissarlo all’unghia, tantopiù se si deve ricostruirla a seguito di rotture o danneggiamenti. I prodotti occorrenti per il trattamento sono una base, il gel e il top coat, se poi c’è da rimuovere dello smalto pregresso si dovrà usare anche l’acetone. In cosa consiste, di preciso, la ricostruzione delle unghie in gel con il fornetto Uv? Questa pratica si richiede in presenza di unghie rotte, fragili o ‘sbeccate’, in modo da avere mani da sfoggiare all’ultima moda, seguendo le tendenze e i colori dettati dalla nail art del momento. Se le unghie sono già pronte per il trattamento in quanto è solo un vezzo estetico, basterà l’applicazione di un gel nelle tonalità cromatiche preferite, se invece di vera e propria ricostruzione si tratta perché l’unghia è danneggiata bisogna seguire un iter più complesso ed elaborato.

Ci vorrà un po’ di pratica, ma con la buona volontà e l’aiuto di qualche tutorial non sarà un problema riuscire nell’impresa di applicare alle unghie il miglior gel semipermanente. Il miglior metodo è il trifasico, che richiede l’impiego di tre prodotti distinti, anziché ‘3 in 1’ come nel monofasico. Dopo aver pulito e limato a dovere le unghie si passerà a stendere un velo di gel base, senza sfiorare le cuticole, da far asciugare nel fornetto, una volta polimerizzato si passerà un prodotto sgrassante per eliminare lo strato superficiale, dopodiché si applicherà il builder, un tipo di gel ricostruttore formando una pallina di gel al centro da sfumare ai lati, un’altra sessione nel fornetto, al termine della quale basterà limare le unghie e livellarle con il buffer rifinendole con un’ultima passata di top coat lucidante. Non resterà che ammirarle.